28 luglio - 30 ottobre 2020
Walk Through
LA MIA AFRICA
Editoriale
Edizione 16
01.10.2020
Idealista come una moderna Karen Blixen, magnetica e cosmopolita come Mata Hari. Indossa foulard animalier e pashmine a frange, cappelli in canvas e pantofoline in rafia intrecciata a mano, gioielli sospesi tra forme naturali e simboli ancestrali. La donna della prossima estate dosa opportunamente Mal d’Africa e sofisticatezza etno-chic. Il suo outfit racconta storie di terre lontane ma anche di tradizioni e saperi, di impegno e sostenibilità. La semplice eleganza di una sahariana in lino si alterna alla vivacità delle stampe Wax su blouson e chemisier sartoriali. Perché è bello parlare del mondo al mondo.
ANGELA CAPUTI - GIUGGIÙ
ZEBRA è una collezione elegante dal tema animalier, con tonalità oro spruzzate su fondo nero. Una linea dalle forme semplici che punta tutto sulla forza grafica del bicolor. BAMBÙ è una collezione ad effetto, per non passare inosservati. Cerchi in resina mimano canne di bambù bagnate nell’oro e si abbinano a dettagli maculati. La prossima primavera-estate, sui gioielli della designer fiorentina Angela Caputi emana la fascinazione per terre e culture lontane.
ASH
Gigi Hadid, Hailey Bieber, Kendall Jenner, Rihanna. E accanto a loro, una lunga lista di celebrity e it-girl che indossano ASH. L’occhio dello stilista francese Patrick Ithier per il design e l’intraprendenza commerciale dell’imprenditore Leonello Calvani sono stati fattori determinanti per il successo internazionale del brand. Focalizzato sulle calzature, ASH combina il flair francese con il patrimonio italiano del design. Oggi, le sue collezioni includono altre merceologie quali prêt-à-porter, borse e accessori.
DE SIENA
Coup de foudre tra glamour e sostenibilità. Un difficile binomio che il brand ottiene attraverso collezioni di sandali iperfemminili. Combinazioni di filati in rafia naturale, colori bruciati dal sole, strutture tessute artigianalmente, cristalli ricamati a mano. A questa regia si deve l’equilibrio stilistico di creazioni progettate in Italia e pazientemente intrecciate da artigiani esperti. Alla base, la scelta di materiali sostenibili e un processo di produzione a bassa energia.
FREI UND APPLE
Un guardaroba trasversale di citazioni vivaci tra spunti etnici, Arts&Crafts, sonorità e arti visive contemporanee: classici, ancestrali e moderni, i riferimenti creano sinapsi infinite di colore. Stampe esclusive movimentano capi semplici e versatili in jersey di cotone o lana vergine, offrendo un‘esperienza sensoriale completa.
GAYNOR BONGARD
Una luxury collection di stole e sciarpe dal gusto sartoriale. È quella firmata Gaynor Bongard, che dal 1999 realizza un prodotto di nicchia dall’anima contemporanea partendo dal premium cashmere e dalle migliori fibre naturali da tutto il mondo. Pochi ma essenziali elementi, insieme ad una sapiente lavorazione che coniuga tecnologie e antico saper fare, danno vita ad una collezione unica.
JP DAVID
Un prodotto basato sulla selezione di materiali di qualità, lavorati e assemblati con maestria artigianale. Uno stile che in ogni dettaglio lascia trasparire la matrice del Made in Italy più autentico. 
Segni particolari di un brand nato dalla passione di un piccolo team di artigiani radicati nel casertano, terra di esperienza e tradizione nel settore delle calzature. Punto d’arrivo, una scarpa che lascia evolvere il proprio DNA artigianale.
STELLA JEAN
Nata e cresciuta a Roma da madre haitiana e padre torinese, Stella inizia il suo percorso nella moda come indossatrice. In breve tempo capisce la sua vocazione: raccontare la sua storia e il suo DNA attraverso le collezioni, trasformando stampe, tessuti e accostamenti in strumenti di comunicazione. Improntato al métissage, il suo brand porta avanti la battaglia per una moda multiculturale e sostenibile. Una moda capace di attraversare i confini.
SUSANA MADRID
Scarpe che diventano pezzi unici per la loro fattura speciale e il loro twist esotico. Un tributo all’eccellenza del Made in Italy che coniuga attitudine luxury e sensibilità al lato etico della produzione. La sperimentazione di forme si intreccia con la ricerca di lavorazioni sostenibili, la creatività è al servizio di progetti socialmente impegnati a sostegno di comunità femminili e cause ambientali.